PROPOSTE IN PRIMO PIANO

“Conoscere il mondo, i popoli, le tradizioni, la bellezza della natura che, come un quadro dipinto da un pittore di grande maestria ci regala emozioni ogni volta diverse e ci fa capire quanto piccoli e fortunati siamo a poter godere di tutto ciò che ci circonda” Questa è la nostra filosofia di vita, il leit-motif della nostra professione per oltre 30 anni, il filo che ci ha consentito di racchiudere emozioni, esperienze, e suggestioni nell’organizzazione di ciascun viaggio. Ti aspettiamo in agenzia per aiutarti a realizzare il tuo!

Non è quanto ci saremmo aspettati ma è un barlume di ritorno alla libertà di viaggiare:

E’ arrivato il “via ai corridoi turistici – Covid free” per i viaggi extra Ue verso Maldive, Seychelles, Mauritius, Egitto- solo Sharm El Sheikh e Marsa Alam, Repubblica Dominicana, Aruba. È il contenuto di una ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza che istituisce in via sperimentale “itinerari turistici controllati”. In cosa consistono? Si tratta di viaggi per turismo da svolgere “secondo specifiche misure di sicurezza sanitaria” previste per le partenze, gli arrivi, la “permanenza in strutture ricettive selezionate”, le gite e le escursioni nelle mete extra Ue. Per approfittare dei “corridoi” bisognerà necessariamente avere il Green Pass e massimo 48 ore prima di partire sarà obbligatorio sottoporsi a un tampone antigenico o molecolare con risultato negativo. Se all’estero – Maldive o Mauritius poco importa – si resta una settimana o più, bisognerà fare un altro test a metà soggiorno. Al rientro cade ogni obbligo di quarantena o isolamento fiduciario ma solo se, all’imbarco, si presenta il risultato negativo di un ulteriore test fatto 48 ore prima del viaggio e se ci si sottopone, all’arrivo in aeroporto, a un nuovo, ultimo tampone.Le regole valgono sia per i voli diretti verso le mete di vacanza che per quelli che fanno scali intermedi. Durante la permanenza in hotel o resort, i tour operator sono invece tenuti ad assicurare il rispetto delle indicazioni per la “prevenzione e la protezione dal rischio contagio da coronavirus”.

UNA VACANZA IN CROCIERA!

CROCIERE NEL MEDITERRANEO: il più bel museo a cielo aperto:

Viaggiare nel Mediterraneo con MSC Crociere significa avere a portata di mano il meglio della cultura, delle tradizioni e dei monumenti che da sempre ne arricchiscono le sponde. 

CROCIERE in Medio Oriente :

CROCIERE ai Caraibi :

VACANZE AL MARE

CHE PROGETTI AVETE PER LE PROSSIME FESTE?

Un mondo di Paesi e di persone:

A come Africa:

1) il Continente Africano: terra di deserti sconfinati, foreste inesplorate, animali selvatici ed isole paradisiache. Animali da vedere nel proprio abitat, ecco per Voi una selezione dal blog di World Explorer circa i migliori safari, fotografici.

Tramonti infuocati, leopardi appollaiati sugli alberi, leoni che inseguono gazzelle ed elefanti. C’è qualche cosa di magico nell’abbandonarsi alla natura incontaminata  e  nell’addormentarsi sotto cieli stellati. Con il termine safari, in passato si intendevano in origine le battute di caccia ai grandi animali della savana mentre al giorno d’oggi la utilizziamo per riferirci alle molteplici tipologie di escursioni che si possono effettuare nel continente africano, si tratta sempre di caccia ma le nostre armi ora sono lo sguardo affascinato e la nostra macchinetta fotografica. C’è un motivo se il safari in Africa è il viaggio dei sogni, ma quali sono le destinazioni dove vivere queste straordinarie esperienze? Ecco la guida delle destinazioni dove vivere dei safari incredibili da provare almeno una volta nella vita…

1. Tanzania

La Tanzania è molto popolare per i safari in Africa. Un safari in Tanzania regala emozioni suggestive, intense ed indimenticabili: significa vivere tutti gli aspetti di questo fantastico paese. L’Africa del nostro immaginario, quella selvaggia, quella delle grandi riserve e delle distese della savana, degli animali che vediamo nei documentari, dei colori dei tramonti che sembrano cartoline. È il paese del Parco Serengeti, una delle più importanti aree naturali protette africane e patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Si trova nel nord della Tanzania, nell’omonima pianura di Serengeti, tra il lago Vittoria e il Kenya. Confina con il parco di Masai Mara e la riserva naturale di Ngorongoro, che prende il nome dall’omonimo vulcano, con la quale forma un territorio ininterrotto.

2. Kenya

È una delle mete più gettonate per i safari: troviamo un paesaggio naturale ricchissimo con pianure, laghi, foreste e molti parchi naturali e bellissimi. Fare un safari in Kenya significa vivere la vera Africa dei safari, quella che regala emozioni uniche al mondo: l’Africa nel nostro immaginario, la ”culla dell’umanità” come viene considerato dagli antropologi. È il cuore dei safari africani, dove si incontrano le più diverse specie di animali, dove, ad ogni chilometro si affronta un paesaggio diverso, dalle distese verdi a quelle aride, agli alberi che si stagliano soli contro il cielo rosso del tramonto, alla moltitudine di colori resi ancora più intensi dal sole accecante. Il parco più famoso e frequentato, grazie all’elevata concentrazione di fauna, è il Masai Mara, al confine con la Tanzania, nella parte sud-occidentale del Kenya. Quest’area è stata adibita a riserva faunistica nel 1961 e sono presenti coloro che vengono chiamati i “Big Five”: leoni, rinoceronti, leopardi, elefanti e bufali.

3. Uganda

Uganda è una meta sempre più popolare per il safari. Si trova a cavallo dell’equatore nel cuore verde dell’Africa; un paese capace di offrire una varietà incredibile di paesaggi e ambienti naturali con un popolo cordiale e gentile. L’avventura in Uganda è la magia di un safari in 4×4, la crociera sul fiume Nilo fino alle sue Cascate e l’esperienza del Trekking alla ricerca degli ultimi Gorilla di Montagna nel Parco Nazionale delle Foresta Impenetrabile di Bwindi, una zona montuosa caratterizzata dalla presenza della foresta tropicale e della giungla. Ma l’Uganda non è solo Gorilla, è molto di più. Bellissima e poco conosciuta, una vera perla d’Africa con paesaggi straordinari e persone estremamente cordiali che condividono un territorio che alterna savane, fiumi, foreste equatoriali, aree vulcaniche e alte montagne con cime avvolte dalle nubi.

4. Botswana

Il Botswana è un paese ancora incontaminato con un territorio quasi inesplorato nel quale si ha la possibilità di assaporare il primo contatto con la natura e il suggestivo incontro con gli animali. Un safari in Botswana è dedicato ai veri amanti della natura e dei safari fotografici. Il Botawana è il paese del Delta dell’Okavango, un fiume che nasce sui monti ma che non muore nel mare: è uno degli spettacoli più belli d’Africa. È il paese del Parco Chobe, il regno degli elefanti africani dove ospita alcuni branchi composti anche da oltre 500 individui. La crociera lungo le sponde del fiume Chobe è una delle esperienze più affascinanti e coinvolgenti da fare in Botswana: grazie alla costante presenza di acqua, le rive di questo fiume sono frequentate da molti animali ammirabili con facilità da piccole imbarcazioni che solcano le acque del Chobe. È il paese del Grande Deserto del Kalahari in cui vivono i boscimani.

5. Sudafrica

Un safari in Sudafrica suscita emozioni indimenticabili e le zone del Sudafrica in cui è possibile andare alla ricerca dei grandi animali e dei tanti spettacoli della natura sono molte, incominciando dall’area orientale del paese dove possiamo trovare il grande parco nazionale Kruger. Le riserve private hanno caratteristiche simili ai parchi nazionali ma si differenziano a livello di strutture ricettive molto curate e ricercate nei confronti del singolo ospite: sono più piccole, simili ai parchi a livello di flora, fauna e di attività proposte. Per esempio, un servizio proposto dalle riserve private può essere quello della possibilità illimitata di praticare safari fotografici, sia con i “game drives” (alla cui guida troveremo autisti altamente competenti e cortesi così tanto da organizzare un aperitivo nel bel mezzo della serata) che a piedi, sia di notte che in barca.

6. Zambia

Un safari in Zambia regala emozioni indescrivibili ed è il luogo ideale per osservare e incontrare gli animali della savana. Il Parco della South Luangwa Valley in Zambia è attraversato dal fiume Luangwa che è uno dei sistemi fluviali più importanti e principali dell’Africa ed è la linfa vitale del parco. Considerato “Ultimo Regno degli elefanti“, il South Luangwa National Park si contraddistingue per i suoi walking safari, i safari a piedi, il modo migliore per camminare nella natura incontaminata e imbattersi nella fauna selvatica! Il Lower Zambesi National Park è un gioiello dello Zambia: ancora poco sviluppato e lontano dalle rotte del turismo di massa, permette di vivere una vera esperienza di viaggio africana e godere del paradiso naturale che questo Paese offre. Le stesse straordinarie emozioni si possono provare nel Kafue National Park, uno dei parchi più grandi di tutta l’Africa.

7. Zimbabwe

Un paese ancora lontano dalle rotte del turismo di massa che regala paesaggi davvero unici grazie ad una natura incontaminata e perfettamente conservata. La bellezza del Matapos National Park e del Parco Hwange, il più vasto del paese, dove le vaste pianure costituiscono un habitat ideale per i grandi mammiferi e predatori che permettono di vivere dei safari di alto livello

8. Namibia

Quando si pensa di fare un viaggio in Namibia sicuramente quello che risalta nella nostra mente sono gli spazi aperti, gli orizzonti infiniti e le immense dune di sabbia che caratterizzano il Deserto del Namib, il più antico del mondo. La Namibia però è anche la casa del Parco Etosha: i safari in questo straordinario parco vi stupiranno. È un immenso pan arido che si estende per centinaia di chilometri e che presenta caratteristiche uniche in tutto il continente. Il parco Etosha ospita 114 specie di mammiferi, 340 di uccelli, 110 di rettili, 16 di anfibi e persino una specie di pesce. Fra i mammiferi presenti nel parco si possono citare elefanti, springbok, zebre, giraffe, orici, kudu, gnu, eland, dik dik, leoni, iene, leopardi, ghepardi ed endemico della zona è il raro impala dal muso nero

I commenti sono chiusi.